DETTAGLI EVENTO

“L’UTILIZZO DELL’ECOGRAFIA NELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA”

(MANFREDONIA)

L’utilizzo dell’ecografia nella professione Infermieristica.”   Analisi del bisogno formativo: (descrivi la carenza formativa del personale da coinvolgere in termini di saper, saper fare, essere)   In questi ultimi anni l’ecografia è diventata un mezzo multidisciplinare non solo di diagnosi, ma anche di supporto a procedure terapeutiche. La non invasività fisica e biologica, la possibilità di essere realizzata al letto dell’utente e la semplice ripetibilità costituiscono dell’ecografia una metodica largamente apprezzata e diffusa sia in campo diagnostico sia in campo interventistico. Diventa quindi un approccio importante, l’utilizzo dell’ecografia infermieristica nel momento in cui l’infermiere si trova nella necessità di eseguire procedure assistenziali, ed utilizza l’ecografo per diminuire le difficoltà, la morbilità ed il dolore in alcune manovre. E’ importante rimarcare che l’ecografia infermieristica è esclusivamente utilizzata dal professionista Infermiere con un approccio di tipo interventistico e non diagnostico.   Presentazione dell'iniziativa formativa: (descrizione dell'iniziativa)   Il tema è di particolare attualità in considerazione del fatto che, nel corso degli ultimi anni, l’utilizzo dell’ecografia da parte dei professionisti sanitari opportunamente formati ha avuto uno sviluppo esponenziale grazie anche alla evoluzione tecnologica. Apparecchi ecografici sempre più maneggevoli e performanti hanno dato grande impulso all’utilizzo di questa tecnica in vari ambiti sanitari per impieghi clinici, diagnostici, interventistici ed assistenziali. L’ecografia infermieristica può rappresentare un efficace aiuto nel ridurre le difficoltà o la morbilità di certe pratiche assistenziali e può validamente integrare la valutazione infermieristica del paziente. L’ecografia rientra a pieno merito in questo ambito ed il suo utilizzo, opportunamente delineato, tende a migliorare le performance assistenziali peculiari della professione ed evita il sovrapporsi di competenze e responsabilità con la figura del medico. Da tempo l’evidenza internazionale è ricca di esempi di ecografia praticata dagli infermieri, con risultati ottimi e prospettive di evoluzione future incoraggianti. Il corso sarà suddiviso in 2 parti: una parte teorica con la presentazione dei principi di anatomia interventistica e dei principi di base di ultrasonografia e una parte pratica con esercitazioni attraverso l’utilizzo dell’ecografo. 8.30-8.45 40 Presentazione del corso Michele Prencipe (Dario Vergine) 8.45-9.45 L’evoluzione della professione Infermieristica Serie di relazioni su tema preordinato Stefano Marconcini (Dario Vergine) 9.45-11.00 Nozioni di base di fisica degli ultrasuoni. Funzionamento di un apparecchio ecografico e tipologia di sonde. Serie di relazioni su tema preordinato Michele Prencipe (Forcella Mauro) 11.00-11.15 Pausa – coffe break 11.15-12.30 Principi di anatomia di interesse ecografico/infermieristico Serie di relazioni su tema preordinato Stefano Marconcini (sost. Dario Vergine; Maurizio Ercolani) 12.30-13.30 Campi di applicazione dell’ecografia infermieristica. Role playing Michele Prencipe (Forcella Mauro) 13.30-14.30 Pausa pranzo Pomeriggio ORARIO N. PARTECIPANTI TITOLO/ARGOMENTO TIPO DI LEZIONE DOCENTE 14.30-15.00 40 Principali complicanze nell’ecografia infermieristica Serie di relazioni su tema preordinato Mauro Forcella 15.00-18.30 Esercitazioni a piccoli gruppi Esercitazioni Mauro Forcella, Michele Prencipe 18.30-19.00 Discussione di casi pratici Role playing Mauro Forcella, Michele Prencipe 19.00-19-30 Questionario Finale – Modulistica ECM

Quota di partecipazione:
50 €

Modalità di pagamento per :
  • Bollettino postale su ccp 98209117
  • Bonifico Bancario
    IBAN IT91B07601160000 00098209117
    Intestato a: Associazione Professioni Sanitarie Italiana
    Causale: quota partecipazione corso.