GIOCO D’AZZARDO ED ALTRE DIPENDENZE PATOLOGICHE

Il gioco d’azzardo in Italia, dopo la sua “liberalizzazione” sta crescendo in maniera esponenziale. La crescita del fenomeno è purtroppo legata anche alla crescita della dipendenza ad essa collegata. Come ogni fenomeno collegato a rischi di dipendenza la maggiore disponibilità ed accesso condiziona in maniera direttamente proporzionale la crescita del fenomeno di dipendenza.  Soprattutto da parte di soggetti fragili e vulnerabili. Durante il corso affronteremo gli aspetti generali del gioco azzardo e la possibile evoluzione da modalità sociali di gioco a comportamenti problematici o patologici. Le normative degli ultimi anni si stanno rivolgendo sempre più al controllo del fenomeno, con diverse criticità di applicazione, ed alla presa in caricodei soggetti fragili che possono incorrere nell’area patologica. Dal punto di vista sanitario i nuovi LEA hanno, anche a seguito del c.d. Decreto Balduzzi, riconosciuto le persone affette da  gioco d’azzardo patologico come meritevoli di prestazioni a carico del SSN.

Quindi il diritto alle cure per le persone con disturbo da gioco d’azzardo è diventato esigibile su tutto il territorio nazionale, in Campania diversi sono gli atti normativi di riferimento, che individuano anche un osservatorio regionale dedicato.La cifra interessata dal gioco d’azzardo legale è di ben 10 miliardi solo in Campania, 4 in più del fondo nazionale per il reddito di cittadinanza, una cifra molto alta rispetto ad altre realtà regionali.

Non da meno in Campania la percentuale di studenti giocatori è del 57 percento contro una media nazionale del 47,1.

 

AREA RIFERIMENTO OBIETTIVI FORMATIVI NAZIONALI E REGIONALE

Fragilità(Minori,nziani,Tossico-dipendenti,Salute Mentale)

PROFESSIONI ALLE QUALI SI RIFERISCE L'EVENTO FORMATIVO

Tutte le professioni

pagina 18

I commenti sono chiusi